• Pagine288
  • Prezzo26.50
  • Anno2010
  • ISBN978-88-8273-117-5
  • NotePercezioni 1
Acquista su IBS.IT Acquista su Amazon.it

Gernot Böhme

Atmosfere, estasi, messe in scena L'estetica come teoria generale della percezione

Il testo di Gernot Böhme risponde magistralmente all’esigenza tanto diffusa quanto disattesa di superare la tradizionale identificazione dell’estetica con la filosofia dell’arte. Perché mai, infatti, l’estetica dovrebbe occuparsi principalmente, o esclusivamente, di arte? Invece l’estetica intesa come teoria generale della percezione sensibile fa da sfondo a questo libro, che propone di ripensare quale possa e debba essere un equilibrato rapporto dell’uomo con il proprio ambiente, spesso esito di progettazione o di manipolazione tecnico-scientifica. La Nuova Estetica sposta la propria attenzione dall’arte ai modi in cui la realtà ci appare e influenza i nostri stati d’animo. In questo modo, oggetto dell’estetica diventano sia le atmosfere, intese come quei sentimenti che l’uomo incontra prima di qualsiasi percezione specifica, sia il modo in cui è possibile generare professionalmente tali atmosfere (architettura, arredamento, luminotecnica, design, tecnica scenografica, cosmetica, musica d’ambiente ecc.). Il testo offre quindi un’acuta analisi critica dei processi, spesso occulti, di manipolazione (politica, mediatica, pubblicitaria ecc.) della nostra sensibilità, in particolare nello stadio tardo capitalistico che tende a privilegiare il valore della messa in scena rispetto a valori più autentici.

​clicca qui

Gernot Böhme, nato nel 1937 a Dessau, è uno dei più noti filosofi tedeschi contemporanei. Professore emerito e direttore dell’Institut für Praxis der Philosophie di Darmstadt, ha pubblicato numerosi lavori in diversi ambiti di ricerca: dalla filosofia della scienza alla storia della filosofia, dall’etica all’estetica.

  • 24 Gennaio 2011 Corriere della Sera pdf