• Pagine160
  • Prezzo13.00
  • Anno2004
  • ISBN978-88-8273-055-0
  • NoteMemorie future
Acquista su IBS.IT Acquista su Amazon.it

Giacomo Leopardi

L'arte dello scrivere Pensieri sull'alfabeto, la scrittura e lo stile

Il folto pubblico dei lettori leopardiani sa che Leopardi non è soltanto un grande poeta ma anche un finissimo pensatore. Tutti conoscono però la mole dello Zibaldone cui il poeta si è dedicato per quindici anni: ben 4526 facciate di uno “scartafaccio” - come egli stesso lo chiamava -, in cui troviamo appunti, riflessioni e brevi trattati sui temi essenziali dell’intero pensiero occidentale. Ora, una tale mole è certamente scoraggiante e difficilmente si presta a essere letta interamente persino dallo studioso. Di qui l’esistenza di una “tradizione” di antologie tratte dallo Zibaldone: dal 1915 a oggi si contano circa otto raccolte antologiche generali nonché un certo numero di antologie tematiche.
Il volume che proponiamo consiste appunto in una nuova antologia tematica, che raccoglie le pagine zibaldoniane sul senso dell’alfabeto e della scrittura. Per Leopardi, l’alfabeto e la scrittura alfabetica non sono solo strumenti di notazione fonetica del “parlato” o della cosiddetta “oralità”; il poeta guarda piuttosto alla loro invenzione, considerandola come un evento unico e straordinario, in forza del quale l’umanità alla quale apparteniamo ha dato, senza saperlo, un preciso indirizzo alla propria storia e civiltà. L’alfabeto - già di per sé indice del fatto che si è raggiunta una chiara idea del parlare e delle sue conseguenze - appare così come un modo profondo di esperire la lingua, e quindi come una via per pensarne e progettarne il senso; mediante l’alfabeto (a differenza, per esempio, dall’ideogramma), l’uomo impara a custodire nel modo più puro la parola stessa che, a sua volta, costituisce per Leopardi l’originario elemento del suo rapporto con le cose e con il mondo. Di qui la determinazion e leopardiana della scrittura non come tecnica o pratica del comunicare cognitivo e sociale, ma piuttosto come “arte dello scrivere”, e quindi come somma sapienza umana: «La scienza del bello scrivere, “l’arte del vero stile”, è una filosofia profondissima e sottilissima, e tiene a tutti i rami della sapienza» (Zib. 2728).

Indice: 1. L’alfabeto, 2. La scrittura, 3. L’ortografia, 4. Lo stile, 5. Lo stile e la poesia, 6. L’etimologia e le “parole nuove”

  • 24 Febbraio 2008 Il Cittadino pdf
  • 24 Febbraio 2008 Il Piccolo pdf