• Pagine84
  • Prezzo25.82
  • Anno2001
  • ISBN978-88-8273-028-4
  • Note
Acquista su IBS.IT Acquista su Amazon.it

Mimmo Di Marzio

In-pressione Artisti contemporanei nella memoria industriale

La mostra “IN-PRESSIONE-Artisti contemporanei nella memoria industriale”, svoltasi a partire dall’ottobre 2001 negli storici spazi delle Officine del Gas di Bovisa a Milano e curata da Mimmo Di Marzio, ha inteso sottolineare, attraverso una selezione di opere di emergenti giovani artisti, l’interazione tra la memoria del luogo industriale e le interpretazioni che gli artisti ne danno in un contesto culturale internazionale. Il catalogo dell’esposizione presenta una ventina di giovani autori che operano in tutti i media artistici, dalla pittura al video, dalla fotografia all’installazione, dal suono alla luce e si snoda in un percorso sia all’esterno che all’interno della sala-pressione del gas, uno dei luoghi di archeologia industriale più interessanti e nel contempo profondamente collegato e integrato nel territorio. Di grande fascino è stata la sede che ha ospitato questo progetto: una galleria contemporanea ideale, con le sue cattedrali in mattoni rossi, gli imponenti serbatoi e le officine protoindustriali che ricordano le suggestive scenografie di cult movies come “Metropolis” o “Blade Runner”. Già in passato, del resto, l’area dei gasometri di Bovisa ha ispirato grandi artisti, basti pensare ai quadri di Mario Sironi, alle elegie cinematografiche di Ermanno Olmi, alla drammaturgia di John Hejduk e di G. Testori. Gli artisti sono: Stefano Arienti, Carlo Bernardini, Pietro Bologna, Luigi Bussolati, Michele Chiossi, Cuoghi-Corsello, Leonida de Filippi, Paola di Bello, Diamante Faraldo, Barbara Fassler, Giovanni Frangi, Jonathan Guaitamacchi, Federico Guida, Francesco Jodice, Enzo Lisi, Claudio Marconi, Annamaria Martena, Davide Nido, Nicola Pellegrini, Simone Racheli, Andrea Simeone, Simona Uberto. I testi critici introduttivi di Mimmo Di Marzio, Luca Doninelli, Chiara Guidi, Cesare Stevan e Paolo Manazza offrono differenti chiavi di lettura dell’evento espositivo.